Il presente sito web utilizza cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Proseguendo nella navigazione presti il tuo consenso all'uso dei cookie utilizzati dal sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy

MORÌA DI PESCI IN VIA VECCHIO RENO

In riferimento all'articolo apparso su Il Resto del Carlino il 05/09/2016 (che riportiamo) alleghiamo documentazione che il Consorzio di Bonifica ha inviato alla Prefettura di Ferrara : 

- Relazione del Responsabile del Consorzio della Sezione Alto Ferrarese sud - Rendiconto del sopralluogo effettuato dal Dipartimento Scienze della Vita e Biotecnologie dell'Università degli Studi di Ferrara.

 Documentazione inviata alla Prefettura

ARTICOLO SU "IL RESTO DEL CARLINO 5-9-2016 PAGINA 5":

VIA VECCHIO RENO LA RABBIA DI UNA RESIDENTE

«Canale prosciugato, strage di pesci»

UN CANALE prosciugato e centinaia di pesci lasciati morire. Tutto questo è successo venerdì in via Vecchio Reno, tra la città e Fondo Reno, come documentato da una nostra lettrice. «Il canale che fiancheggia tutta la strada ­ scrive Giovanna Montanari ­ è stato inspiegabilmente e completamente prosciugato. Questo fatto è avvenuto nella totale indifferenza dei suoi autori con i numerosi pesci che vi vivevano dentro che hanno tentato di trovare scampo ammassandosi in pozze sempre più piccole fino a morire nel peggiore dei modi. Al mio ritorno a casa ­ continua la lettera ­ ho trovato un paio di ragazzi che con dei retini tentavano inutilmente di salvare qualche animale travasandoli in altri canali pieni ma, complice il caldo torrido, è stato tutto inutile. Così non è rimasto che il panorama desolante di un ammasso di pesci morti che tra l' altro, sotto il sole cocente di questi giorni, hanno iniziato ad imputridirsi generando un odore nauseabondo e forse anche problemi di igiene pubblica». Possibile, si domanda la lettrice, che «l' ente preposto (il Consorzio di bonifica?) o chi per esso, possa generare un fatto così incivile e con tanta noncuranza per animali e abitanti? Come si può essere spesso così critici nei confronti delle altre culture quando la nostra è così tangibilmente povera di sensibilità e rispetto?».