Il presente sito web utilizza cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Proseguendo nella navigazione presti il tuo consenso all'uso dei cookie utilizzati dal sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy

Premio De aqua et terra
Concorso nazionale di scultura

Marozzo
Il paese dell'acqua

Il “mare di terra”, com’è chiamato per la sua piattezza, un tempo invaso dalle paludi e poi bonificato, senza colline e senza alberi, è un immenso granaio, orto, frutteto che arriva fino al mare
(Carlo Castellaneta, da Ferrara, in Una città per due)


 … acqua scorre per aria tanto più alta della terra sulla quale cammino ...
Ora capisco con tutta chiarezza un perché delle paludi, di tant’acqua che per essere portata a sfociare dovrebbe montare anziché scendere, il che
per la liquida acqua è impossibile e contro natura;
e lei s’impantana …
Ora ammiro di più l’uomo. Dicevamo che questo era il campo di battaglia dei fiumi e del mare. Diciamo meglio che la bonifica di questa plaga, è un’altra meravigliosa testimonianza della fatale ansia dell’uomo
di umanizzare la natura
(Giuseppe Ungaretti, da  Il paese dell’acqua, in Il deserto e dopo)

 


Il Consorzio di Bonifica Pianura di Ferrara, nell’ambito del recupero strutturale dell’ottocentesco impianto idrovoro di Marozzo, oggi destinato a Museo della Bonifica, bandisce la 1° edizione di un concorso nazionale tra artisti, per la realizzazione di una scultura da destinare all'Eco-Museo della Bonifica di Marozzo, in comune di Lagosanto (FE)