consorzio di bonifica
pianura di ferrara

256.733
ettari

superficie del comprensorio

4.241
chilometri

estensione dei canali

76
impianti

impianti di scolo

86
impianti

impianti di irrigazione

780
metri cubi al secondo

portata totale impianti

47.780
kiloWATT

potenza installata complessiva

Slider

Venerdì 7 dicembre alle ore 12:00, avrà luogo presso l’impianto idrovoro Fiorana di Bando (Argenta) la commemorazione dell’Ing. Alessandro Denaro e nell’occasione verrà dedicata una targa in suo ricordo. Denaro, un direttore tecnico dei Consorzi di Bonifica Ferraresi, ma non solo. La sua storia professionale ha spaziato dal Genio Civile, nell'immediato dopoguerra, alla libera professione sino all'impegnativa esperienza, dopo l'andata in pensione, di consulente tecnico per diversi progetti di cooperazione internazionale nelle “Zone Verdi” di Maputo, in Mozambico.

Iperattivo, colto, autorevole e caparbio ha sempre dimostrato un rigoroso senso del dovere.

A lui è dedicato l'ottavo Quaderno della Bonifica ma, a differenza dei precedenti quaderni, qui il racconto non si è potuto limitare al solo recupero di informazioni tratte dai documenti d'archivio.

L'averlo conosciuto e l'aver con lui condiviso esperienze di lavoro e di vita hanno inevitabilmente tracciato il percorso di un ricordo che è soprattutto umano.

È quindi dalle pagine dedicate a questi momenti che emerge la ricca personalità di un uomo che ha attraversato il novecento e che partito dalla natia Enna ha percorso l'Europa, approdando in Medio Oriente ed in Africa, ma conservando sempre la città di Bologna, in cui ha vissuto e studiato, nel cuore e nel caldo accento della sua frizzante parlata.

Se da un lato la stima e un sincero affetto ancora accompagnano il ricordo di chi lo ha conosciuto, a venti anni dalla sua scomparsa il Consorzio di Bonifica Pianura di Ferrara ha voluto lasciare testimonianza di una riconoscente memoria con l'installazione di una targa commemorativa presso l'idrovoro Fiorana di Bando, dove egli lavorò prima come Direttore Tecnico e poi come Direttore Generale del Consorzio delle Bonifiche Argentane.