Naselli Crispi

porte aperte
Palazzo Naselli-Crispi

ritorna a

settembre

Ettari

256.733
ettari

superficie del comprensorio

kilometri

4.191
chilometri

estensione dei canali

impianti di scolo

78
impianti

impianti di scolo

impianti di irrigazione

88
impianti

impianti di irrigazione

portata metri cubi al secondo

780
metri cubi al secondo

portata totale impianti

potenza installata

47.780
kiloWATT

potenza installata complessiva

previous arrow
next arrow

Il Consorzio di Bonifica Pianura di Ferrara ha presentato il piano di opere che saranno finanziate e realizzate con i fondi del PNRR, nel corso di un incontro che ha visto la presenza del tessuto imprenditoriale del territorio, aderenti a Confartigianato e ad ANCE – Associazione Nazionale Costruttori Edili. Si tratta di un investimento complessivo di 100 milioni di euro, come ha spiegato il presidente del Consorzio Stefano Calderoni: “Non è mai capitato che si concentrassero tante preziose risorse, che arriveranno dal Pnrr ma anche dalla Regione Emilia-Romagna, in un tempo così ristretto. Si tratta di obiettivi importanti, che fanno parte del nostro progetto Idropolis e di un programma più ampio di messa in sicurezza del territorio e di consolidamento delle infrastrutture irrigue. In questo contesto è essenziale che le aziende chiamate a realizzare le opere lavorino in sinergia con i nostri obiettivi, per finire i lavori nei tempi previsti e garantire la qualità degli interventi. Per questo abbiamo anche sottoscritto un accordo con la Giardia di Finanza per essere certi che i procedimenti di affidamento avvengano nella massima trasparenza e legalità”

Un lavoro di programmazione e progettazione che ha richiesto tutte le competenze del Consorzio - ha detto il direttore generale Mauro Monti: “Per ottenere i fondi è stato necessario anticipare i tempi rispetto alle opportunità, per trasformarle nelle essenziali risorse che stanno arrivando. Lo abbiamo fatto grazie a una struttura tecnica che sa progettare e rapportarsi anche con i due ministeri di competenza. Si tratta di impegno che coinvolge, oltre all’ufficio tecnico, tutte le anime del Consorzio che viaggiano verso un obiettivo comune: amministrativa, geografica, appalti e finanziaria. Entrando nel vivo degli interventi che verranno realizzati, parliamo di 59 già appaltati nel 2021-22 – 33 ultimati e 25 ancora in corso grazie alla Regione – per un valore di 20 milioni di euro e 15 interventi da appaltare per un valore di 80 milioni di euro. Si tratta anche di un’opportunità per le aziende che hanno le caratteristiche necessarie per partecipare alle gare, visto che il Consorzio garantisce pagamenti certi e li anticipa senza attendere i fondi del ministero”.

Le opere finanziate dal Pnnr hanno come principale obiettivo il risparmio della risorsa idrica, un’esigenza dettata dal particolare momento storico e dei cambiamenti climatici che hanno portato, la scorsa estate, a una siccità emergenziale e alla mancanza d’acqua per usi irrigui.