Naselli Crispi

porte aperte
Palazzo Naselli-Crispi

13 aprile 2024

#

Corsa di Bonifè
Ettari

256.733
ettari

superficie del comprensorio

kilometri

4.191
chilometri

estensione dei canali

impianti di scolo

78
impianti

impianti di scolo

impianti di irrigazione

88
impianti

impianti di irrigazione

portata metri cubi al secondo

780
metri cubi al secondo

portata totale impianti

potenza installata

47.780
kiloWATT

potenza installata complessiva

previous arrow
next arrow
Portale Contributi
All

CONTRIBUTI CONSORTILI

Per la riscossione dei contributi consortili, il Consorzio di bonifica emette e spedisce agli oltre 150.000 consorziati, nel mese di aprile di ogni anno, gli avvisi di pagamento. La richiesta contenuta negli avvisi di pagamento si riferisce a ONERI CONSORTILI che possono essere contributi di bonifica ordinari e/o contributi irrigui speciali, dovuti al Consorzio a norma di legge per la manutenzione e gestione delle opere e degli impianti di bonifica, necessari per garantire la sicurezza idraulica del territorio e la salvaguardia dell’ambiente e, per i terreni agricoli, anche per l’irrigazione.

Gli avvisi di pagamento contengono una o più pagine di informazioni aggiuntive, che consentono la rapida individuazione, attraverso gli identificativi catastali, dei beni per i quali è richiesto il pagamento dei contributi consortili. Gli importi fino a 100 euro vengono riscossi con un’unica rata con scadenza 30 Aprile, mentre gli importi superiori a tale soglia sono suddivisi in due rate, con scadenze, rispettivamente, il 30 Aprile e il 31 Luglio.  In caso di mancata corresponsione della somma dovuta nei tempi prescritti, il Consorzio attiva le procedure di riscossione coattiva tramite Concessionario della Riscossione Sorit SpA con maggiorazioni e spese di notifica previste dalla vigente normativa.

 Per rispondere in maniera immediata alle principali DOMANDE/RISPOSTE dei consorziati è stato elaborato un documento, consultabile nella sezione Domande/risposte sui contributi.

MODALITÀ DI PAGAMENTO DEI CONTRIBUTI – NOVITÀ

A partire dall’anno 2024 i contributi del Consorzio di Bonifica Pianura di Ferrara vengono riscossi tramite gli avvisi direttamente dal Consorzio e il pagamento avviene esclusivamente tramite il sistema PagoPA, realizzato da Agenzia per l’Italia Digitale (AGID) per rendere sicuro, trasparente e tracciabile il pagamento.

In particolare l'avviso di pagamento può essere pagato con le seguenti modalità:

  • Attraverso il sito web consortile www.bonificaferrara.it dove, cliccando su “Portale Contributi/Pagamenti OnLine PagoPA”, ci si potrà collegare al Portale dei Pagamenti; da qui si accederà alla sezione relativa ai “Pagamenti Predeterminati” inserendo il Codice Avviso riportato sull’avviso e il codice fiscale/partita iva del debitore;
  • Attraverso home banking (utilizzando le funzioni PagoPA o CBILL) riportando il Codice Avviso;
  • Attraverso gli sportelli bancomat ATM delle banche (se abilitati);
  • Presso i punti vendita di SISAL, Lottomatica, Supermercati e Tabaccai convenzionati;
  • Attraverso altri Prestatori di Servizi di Pagamento (PSP) abilitati per il pagamento degli avvisi pagoPA (per avere l'elenco digitare in qualunque motore di ricerca "PSP pagoPA");
  • Presso gli sportelli degli Istituti di Credito eroganti il servizio;
  • Presso gli Uffici di Poste Italiane.

 

SERVIZIO DI DOMICILIAZIONE BANCARIA

Al fine di attivare il servizio di domiciliazione bancaria per il pagamento automatizzato del contributo consortile, valido a partire dall’anno successivo rispetto alla richiesta effettuata, SCARICA QUI il modulo cartaceo di richiesta da presentare, debitamente compilato e firmato, al proprio Istituto di credito (formato .pdf).

In caso insorgessero problematiche, l’assistenza Sorit spa è contattabile a n. 800.199.288 (NUMERO VERDE) o all’indirizzo di posta elettronica Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. .

Il Consorzio non è responsabile in caso di mancata domiciliazione del mandato.

 

RIMBORSI QUOTE VERSATE NON DOVUTE O ECCEDENTI

In caso invece di eccedenza causata da errori nel calcolo del contributo o per avvenuta diminuzione dell’imponibile (variazione rendita catastale, vendita, ecc..) occorre inviare al Consorzio di Bonifica Pianura di Ferrara, presso l’indirizzo di posta elettronica Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., una richiesta di rimborso con l’indicazione dell’IBAN, istituto bancario ed intestatario del conto dove effettuare il versamento. Le operazioni di rimborso verranno deliberate e saranno operative con cadenza semestrale (orientativamente nei periodi di febbraio e luglio).

UFFICI RICEVIMENTO PUBBLICO

  • FERRARA (CONTRIBUTI CONSORTILI) - via Borgo dei Leoni n. 28 - dal lunedì al venerdì dalle ore 8:30 alle ore 12:30 Tel. 800 69 88 59 (Numero Verde)
  • FERRARA (IRRIGAZIONE E CONCESSIONI) - via Mentana n. 7 - dal lunedì al venerdì dalle ore 8:30 alle ore 12:30 Tel. 800 69 88 59 (Numero Verde)
  • CODIGORO - via per Ferrara n. 2 - il martedì, giovedì e venerdì dalle ore 8:30 alle ore 12:00 - Tel. 0533.728711

Si applicano i criteri di riparto della contribuenza contenuti nel PIANO DI CLASSIFICA DEL CONSORZIO DI BONIFICA PIANURA DI FERRARA, approvato dalla Regione Emilia-Romagna ed entrato in vigore dall’anno 2016 (consultabile nella sezione PIANO DI CLASSIFICA)

Nella sezione PORTALE ONLINE il consorziato, previa apposita identificazione, potrà verificare nei dettagli la propria posizione contributiva e il calcolo dei contributi.

 GUIDA AL PORTALE CONTRIBUTI

DEDUCIBILITÀ DEI CONTRIBUTI

Per la loro natura i contributi di bonifica sono deducibili dal reddito lordo da denunciare ai fini fiscali, ai sensi dell'art. 10 lettera a) del D.P.R. 917/1986, tuttavia tale deduzione non è sempre applicabile. Al fine di valutare se ricorrono le condizioni per applicare la deduzione è necessario conoscere sia i dati censuari dell’immobile che il regime fiscale del consorziato. Poiché l’attività di consulenza fiscale (necessaria per dirimere tali problematiche) esula dagli scopi istituzionali di questo ente, per sapere se il contributo versato nel caso specifico sia deducibile o meno è consigliabile rivolgersi ad un Centro di Assistenza Fiscale o ad un Commercialista.

La deduzione dei contributi di bonifica si esercita in relazione all'anno solare in cui è avvenuto il relativo versamento, indipendentemente dall'anno di competenza del contributo versato. Verificata la sussistenza delle condizioni per la deducibilità del contributo, è necessario conservare per intero l’avviso di pagamento e la quietanza relativa al versamento effettuato. La sola quietanza, infatti, non è sufficiente per documentare il diritto alla deduzione in quanto sia la natura del contributo versato che i dati catastali degli immobili cui esso si riferisce sono indicati solo sull’avviso.

 

VENDITA O PASSAGGIO DI PROPRIETÀ

Il Consorzio attinge i dati anagrafici dei proprietari ed i dati censuari degli immobili che beneficiano dell’attività di bonifica dall’Agenzia delle Entrate (ex Catasto). Pertanto in caso di vendita è sufficiente comunicare la data della variazione di proprietà e il nominativo del nuovo proprietario (a mezzo telefono, fax, email, segnalazione dal Portale Contributi) senza particolari formalità, sarà premura del Consorzio reperire telematicamente i dati di tale variazione presso

l’Agenzia delle Entrate. Le richieste di variazioni che non trovano riscontro presso i registri dell’Agenzia delle Entrate non potranno essere accolte.Le domande di sgravio dall’obbligo del pagamento dei contributi a seguito dell’avvenuta cessione di immobili hanno effetto dall’anno successivo alla loro presentazione al Consorzio e pertanto non fanno venir meno l’obbligo del versamento dei contributi relativi all’anno in corso. (Statuto, art. 50, comma 9).

In deroga a quanto sopra disposto, in caso di cessione avvenuta nei primi sei mesi dell’anno le relative domande di sgravio parziale sono ammesse, se presentate al Consorzio entro la data del 30 giugno. In caso di sgravio parziale resta comunque fermo l’obbligo del pagamento del contributo minimo. (Statuto, art. 50, comma 10).